Acerbi Carlo

ACERBI CARLO

(Cremona 23 luglio 1900 – Cremona 1989)

BIOGRAFIA E OPERE

Acerbi Carlo, studiò all’Accademia di Brera con Ambrogio Antonio Alciati, Vespasiano Bignami e Gianfranco Campestrini ed alla Scuola d’Arte del Castello Sforzesco di Milano.

Tra le sue opere si possono citare: “Nevicata” (1932) e “Mattino d’Inverno” (1935), esposte alla Sindacale Milanese; “Ritratto di signora in giardino” presentato alla Mostra degli Artisti Cremonesi, “Primavera” all’ Ente Comunale Assistenza di Cremona e “Mietitori”. Allestì alcune personali a Cremona e prese parte a Sindacali ed Interprovinciali della sua città. Il periodo milanese è fondamentale per la formazione dell’artista che ha la possibilità di confrontarsi, misurarsi e conoscere non solo l’arte insegnata in accademica, ma anche quella meno paludata e più viva del dibattito culturale, del milieu della grande città, degli studi e dei caffè degli artisti, dove nascevano le polemiche e si accompagnava il cambiamento, a volte prendendolo per mano, altre facendo la rivoluzione e “uccidendo il chiar di luna”. Dopo aver ottenuto l’abilitazione all’insegnamento nel disegno nel 1922, Acerbi torna definitivamente a Cremona dove si dividerà tra la pittura, l’insegnamento e il restauro di dipinti antichi, pratica nella quale acquisirà una professionalità eccellente guidata anche da una conoscenza e da un “fiuto” eccezionali nel riconoscere l’autenticità delle opere.La grande amicizia con Carlo Vittori, la stima che nutre per lui Illemo Camelli, il carteggio conservato nell’archivio di famiglia che attesta il legame di profonda amicizia anche col suo vecchio maestro Vesapasiano Bignami, attestano la stima dell’ambiente artistico non solo locale e l’autorevolezza che Acerbi, attraverso la sua alta professionalità, viene maturando nel corso della sua lunga esistenza, rimasta intatta fino alla morte. Tra tutte, l’amicizia con Carlo Vittori fu quella più solida e duratura; Vittori non mancava mai di fare quotidiane visite allo studio di Acerbi e con lui sviluppò un legame fraterno che coinvolse entrambe le famiglie, come ricorda lo stesso figlio Luigi e come testimoniano le tante fotografie che ritraggono i due pittori in vacanza sulle montagne del trentino o in momenti di svago nell’orto di casa o sul tanto amato fiume. 

HAI UN’OPERA DI ACERBI CARLO ?

    Se siete in possesso di dipinti, sculture, acquerelli, lavori di questo artista anche l'intero studio l’intera collezione noi siamo interessati all'acquisto, con pagamento immediato.

    Cellulare  WhatsApp:3406408605

    Siamo a disposizione per fornirvi gratuitamente una valutazione desiderata

    Nome e cognome*

    Email*

    Telefono

    Città

    Inserisci Immagine

    Inserisci Immagine

    Inserisci Immagine

    Messaggio

    Accetto la Privacy Policy

    Opere di Acerbi Carlo

     

    CONTATTACI GRATUITAMENTE PER AVERE UNA VALUTAZIONE GRATUITA TRAMITE WHATSAPP O VIA EMAIL

    011 9580145 - 340 6408605 (Whatsapp)

    info@antichitafiorio.com

    Translate »