Palagi Pelagio

PALAGI PALAGIO

(Bologna, 25 maggio 1775 – Torino, 6 marzo 1860) 

Morgari Pietro

BIOGRAFIA E OPERE

Palagi Pelagio, iniziato giovanissimo allo studio della prospettiva, dell’architettura, della pittura di figura, del ritratto e al collezionismo dal mecenate Carlo Filippo Aldrovandi, proseguì gli studi nella scuola di Nudo dell’Accademia Clementina di Bologna. La sua formazione e gli esordi coincisero con l’arrivo in città delle truppe napoleoniche: su richiesta di Aldrovandi, membro del Senato e rappresentante del governo provvisorio bolognese, realizzò disegni di uniformi per il Direttorio, di medaglie e di emblemi coi simboli di Libertà ed Eguaglianza, per carte e biglietti da visita; poi, dietro committenza del nuovo ceto emergente, progettò i monumenti funebri di Edoardo Pepoli (1801), Girolamo Bolognini Amorini (1803) e Luigi Sampieri (1804), realizzati per la Certosa di Bologna, e decorò gli interni delle dimore cittadine delle famiglie Cospi, Aldini e Gozzadini: lavori, questi ultimi, eseguiti nel 1805. Trasferitosi a Roma nel 1806 per completare gli studi presso l’Accademia di San Luca, fu forse tra gli allievi di Vincenzo Camuccini. La notizia non è confermata da tutti i testi coevi, ma è indubbio che lo storicismo eroico del pittore romano influenzò profondamente lo stile di Palagi, sia nella ritrattistica, in cui l’artista bolognese manifestò un’attenta analisi dei caratteri fisionomici dei modelli, sia nella pittura di storia e di paesaggio, che portarono Palagi a condurre accurate indagini sulle fonti della storia antica e sullo studio della natura. Sono espressione di questo cammino di approfondimento e di ricerca il Ritratto di Giuseppe Guizzardi in veste d’antico (1807), il Matrimonio di Amore e Psiche (1808), il Mario a Minturno (1809-1810), l’Ila e le ninfe (1810-1811), ma soprattutto le importanti realizzazioni per il Gabinetto Topografico del Palazzo del Quirinale (1811-1813) e per la Galleria di Teseo in Palazzo Torlonia (1813-1815). Dal 1813 fu ispettore dell’Accademia Italiana, con l’incarico di seguire l’attività dei giovani pensionati delle Accademie del Regno d’Italia a Roma. Insieme con Antonio Canova, presidente dell’Accademia, riuscì a riunire intorno ai giovani artisti i pittori più rappresentativi del Neoclassicismo italiano, da Felice Giani a Gaspare Landi, oltre a Camuccini. L’esperienza romana servì anche a Palagi per approfondire interessi archeologici e collezionistici, già maturati a Bologna durante gli anni giovanili trascorsi nell’ambiente culturale enciclopedico di Carlo Filippo Aldrovandi. Nel 1815, dopo una breve parentesi bolognese, si trasferì a Milano, dove aprì una scuola privata in aperta concorrenza con l’Accademia di Brera, che non gli offrì mai un incarico di insegnamento. Nella capitale lombarda la committenza privata, più ampia e stimolante di quella incontrata a Roma, lo portò a dedicarsi alla ritrattistica e, in particolare, alla pittura di figura di Giuseppe Bossi e di Andrea Appiani; dalla committenza privata a quella pubblica, si affermò come ritrattista dei protagonisti della Restaurazione. Fra le opere di genere eseguite a cavallo degli anni Venti si ricordano il Ritratto del conte colonnello Francesco Arese Lucini nello studio, il Ritratto del conte Luigi Archinto, il Ritratto di Francesco I d’Austria (tutti realizzati nel 1817), il Ritratto del maggiore Pietro Lattuada (1822), il Ritratto di Cristina Archinto Trivulzio (1824) e il Ritratto della ballerina Carlotta Chabert come Diana (1828-1830); a cavallo degli anni Quaranta è l’Orombello e Beatrice di Tenda nel Castello di Binasco (1845-1850).

Hai un’opera di Palagi Pelagio ?

    Se siete in possesso di dipinti, sculture, acquerelli, lavori di questo artista anche l'intero studio l’intera collezione noi siamo interessati all'acquisto, con pagamento immediato.

    Cellulare  WhatsApp:3406408605

    Siamo a disposizione per fornirvi gratuitamente una valutazione desiderata

    Nome e cognome*

    Email*

    Telefono

    Città

    Inserisci Immagine

    Inserisci Immagine

    Messaggio

    Accetto la Privacy Policy

    Opere di Palagi Pelagio

    CONTATTACI GRATUITAMENTE PER AVERE UNA VALUTAZIONE GRATUITA TRAMITE WHATSAPP O VIA EMAIL

    011 9580145 - 340 6408605 (Whatsapp)

    info@antichitafiorio.com

    Translate »