Ginotti Giacomo

GINOTTI GIACOMO

(Cravagliana, 5 dicembre 1845 – Torino, 6 aprile 1897) 

Morgari Pietro

BIOGRAFIA E OPERE

Ginotti Giacomo, studiò inizialmente alla scuola di disegno di Varallo e fece i primi passi nel laboratorio Barolo. Giovanissimo, come molti conterranei, dovette emigrare in Francia in cerca di lavoro e vi rimase per qualche anno, finché la passione non lo riportò in Italia per iscriversi all’Accademia Albertina di Torino. Qui frequentò i quattro anni di corsi di disegno di figura, ornato e scultura, dal 1864 al 1866, sotto la guida di Vincenzo Vela, e dimostrò il proprio talento venendo ogni anno premiato tra i migliori nei diversi lavori che venivano proposti agli allievi. Nel 1865 dalla Terza classe della scuola di disegno di figura venne ammesso ai corsi superiori. All’età di 24 anni si spostò a Roma con l’intento di vedere le grandi opere dell’antichità e del Rinascimento e di imparare l’arte e le tecniche frequentando gli studi dei più rinomati scultori dell’epoca. Dopo qualche anno di studio, dal 1869 al 1872, iniziò a creare le prime opere, che ebbero un successo praticamente immediato: il Giovinetto che sparge fiori, sua opera prima, venne inviata nel 1873 all’Esposizione di Vienna, dove venne venduta dopo pochi giorni, e la sua fama si consolidò con la seconda opera, La schiava; esposta nel 1877 all’Esposizione di Napoli, venne acquistata dal Re Vittorio Emanuele II. Ormai conosciuto, tornò a Torino, città dove allora aspiravano a lavorare in particolare gli artisti piemontesi, per la presenza di una classe aristocratica, ricca e sensibile all’arte, e per la possibilità di vivere vicino alla terra natale. Intanto, nel 1878, aveva sposato ad Ivrea Emilia Nicola, di Vercelli, da cui ebbe tre figli. Nel 1885, in occasione delle celebrazioni in onore di Gaudenzio Ferrari svoltesi a Varallo e a Valduggia, venne nominato membro onorario del comitato organizzatore. Durante la sua carriera artistica, dopo essere stato nominato Cavaliere, ricevette riconoscimenti dalle accademie italiane: l’Accademia Albertina lo elesse Accademico nazionale, mentre l’Accademia di Brera lo nominò socio onorario nel 1891.

Hai un’opera di Ginotti Giacomo ?

    Se siete in possesso di dipinti, sculture, acquerelli, lavori di questo artista anche l'intero studio l’intera collezione noi siamo interessati all'acquisto, con pagamento immediato.

    Cellulare  WhatsApp:3406408605

    Siamo a disposizione per fornirvi gratuitamente una valutazione desiderata

    Nome e cognome*

    Email*

    Telefono

    Città

    Inserisci Immagine

    Inserisci Immagine

    Messaggio

    Accetto la Privacy Policy

    Opere di Ginotti Giacomo

    CONTATTACI GRATUITAMENTE PER AVERE UNA VALUTAZIONE GRATUITA TRAMITE WHATSAPP O VIA EMAIL

    011 9580145 - 340 6408605 (Whatsapp)

    info@antichitafiorio.com

    Translate »